Search
  • infoluciapolidoril

IL LEASING IMMOBILIARE


L’Italia prova a rilanciare il leasing immobiliare, una formula di vendita conosciuta anche con il nome di locazione finanziaria. La Legge di Stabilità 2016, infatti, ha esteso questa modalità d’acquisto alle persone fisiche, introducendo, inoltre, notevoli sgravi fiscali per i giovani fino a 35 anni con reddito al di sotto dei 55.000 euro.

Lo strumento del Rent To Buy, normato dal decreto Sblocca Italia, non è, quindi, l’unico nuovo modo di acquistare un bene immobile.

Acquistare immobili con il leasing

Tramite le disposizioni contenute nella nuova Legge di Stabilità, da gennaio 2016 anche le persone fisiche possono acquistare immobili con la formula leasing.

Questa modalità di acquisto immobiliare ti consente di usufruire subito della casa e decidere, in un secondo momento, se comprarla o meno ad un prezzo già stabilito.

Uno strumento in più, che potrebbe consentire di “aggirare” le difficoltà nell’ottenere un mutuo per acquistare immobili, prima abitazione compresa.

L’immobile diverrebbe di proprietà, però, solo più in là nel tempo, attraverso il “leasing immobiliare”, già esistente, ma finora riservato alle aziende.

Chi può richiedere un leasing immobiliare?

Gli Under 35 e gli Over 35, con redditi che non superino i 55.000,00 Euro annui (vale per tutte e due le categorie).

Leasing Immobiliare: Conviene davvero?

Agevolazioni leasing per gli Under 35

L’agevolazione fiscale è dedicata a coloro che hanno meno di 35 anni e acquistano la propria prima casa con un Leasing Immobiliare, quindi sostenendo spese imputabili a canoni derivanti da un contratto di locazione finanziaria.

Possono portarsi in detrazione sull’IRPEF il 19% delle spese sostenute con un importo annuale massimo di 8.000,00 Euro, riferiti all’intero importo di canone finanziario, quindi comprensivo di importo capitale e interessi.

Tale detrazione viene ripartita in 10 anni in quote dello stesso importo.

Questo aspetto è molto importante da tenere in considerazione: se oggi viene stipulato un mutuo ipotecario, la quota in ammortamento è solo di 4.000,00 Euro (di soli interessi però).

Questo significa che in detrazione, stipulando un Leasing Immobiliare, viene concesso di portarsi in detrazione anche una quota del capitale, e non solo quella imputata agli interessi.

Nella norma è stata anche inserita un’ulteriore detrazione del 19% (sempre sull’IRPEF) imputabile al costo di acquisto del bene a fronte dell’esercitazione finale dell’opzione di riscatto. Il valore massimo è stato fissato in 20.000,00 Euro.

Agevolazioni leasing per gli Over 35

L’agevolazione è identica nella forma e nella sostanza a quella rivolta agli Under 35, l’unica differenza è nella quantità degli importi massimi da poter portare in detrazione, di fatto vengono dimezzati.

Il limite massimo di 8.000,00 Euro (descritto nella sezione Under 35), viene portato ad un massimo di 4.000,00 Euro; mentre il tetto di 20.000,00 è stato portato a 10.000,00 Euro.

Agevolazioni Imposte di registro

Si assoggettano ad imposta di registro in misura proporzionale anche le cessioni, da parte degli utilizzatori, di contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto gli immobili ad uso abitativo (quindi non solo ad uso strumentale), ancorché assoggettati a Iva. Detraibilità Irpef del 19% dei costi contrattuali, dei canoni e dei relativi oneri accessori fino a 8.000,00 Euro e dell’opzione finale di acquisto fino a un importo massimo di 20.000,00 Euro. L’imposta di registro all’1,5% contro il 4% dei beni strumentali.

Le imposte fisse (ipotecarie e catastali) sono 50 euro cad.

Leasing Immobiliare: Quali sono gli svantaggi?

  • Rispetto al mutuo, ha una durata più breve. Infatti, mentre il leasing può estendersi fino ad un massimo di 15 anni, il classico Mutuo può protrarsi fino anche a 30/40 anni.

  • I canoni di locazione possono essere elevati.

Cosa fare al termine del contratto di leasing immobiliare?

Al termine, l’utilizzatore ha diverse opzioni: riscatto dell’immobile, rilascio dell’immobile, rinnovo del contratto di leasing immobiliare.

Se si opta per il riscatto, si deve corrispondere alla banca o alla società di leasing la restante somma, scorporati i canoni, del valore dell’immobile, quindi una maxi-rata finale il cui importo è sicuramente considerevole.

Il leasing come soluzione immobiliare valida, per chi?

Dunque, il contratto di leasing immobiliare appare sicuramente una valida soluzione per coloro che non hanno immediata disponibilità di una considerevole somma di denaro da utilizzare nell’acquisto di una casa; e anche per coloro che non possono avere agevolmente accesso al mutuo, perché si trovano senza lavoro stabile o privi di un garante.

1 view0 comments

Recent Posts

See All