Search
  • infoluciapolidoril

Seminterrati con piccoli giardini, la nuova tendenza del vivere in città.


Vivere in un seminterrato è un’idea che noi Italiani facciamo fatica ad accettare, rispetto a diversi paesi dell’Europa occidentale, dove, questa soluzione abitativa è ormai realtà da diversi decenni.

I seminterrati in Italia sono sempre stati poco considerati dal legislatore, poco illuminati, spesso malsani; soprattutto, la difficoltà che si incontra nel renderli abitabili, un percorso lungo e tortuoso, ha fatto in modo che questi fossero sempre usati come cantine o depositi.

Ora finalmente anche in Italia le cose stanno cambiando, si punta a riqualificare questi locali seminterrati, a patto che rispondano a determinati requisiti, per farli essere una buona soluzione abitativa.

La scelta di abitare in un seminterrato

È una richiesta che avviene soprattutto nei centri grandi e popolosi, dove le abitazioni sono ancora troppo care. Quindi, scendere al compromesso di abitare in un seminterrato, abitazione metà sotto terra e metà fuori terra, consente di acquistare un’abitazione a costi molto inferiori permettendo di vivere in aree più centrali, senza vedersi costretti ad allontanarsi in periferia o fuori città.

Anche il legislatore ha trovato conveniente valorizzare i seminterrati: sia perché si favorisce uno sviluppo in verticale delle abitazioni, risparmiando spazio in senso orizzontale; sia perché ciò permetterebbe a più persone di poter acquistare un immobile a costi più ridotti.

Attualmente, la legislazione in materia è affidata agli enti Regionali, e in Italia varia di regione in regione. Affinché un seminterrato possa risultare abitabile, dovrà essere sistemato in maniera tale da garantire alla persona un confort adeguato, rispettare cioè le normative urbanistiche, catastali e quelle di igiene e sicurezza.

Quindi, se vuoi trasformare una cantina o un garage in abitazione, verifica che questo possegga i requisiti per il certificato di abitabilità richiesti nel regolamento regionale della tua città, inerenti:

  • l’altezza fuori terra

  • dimensioni minime dei locali per una o più persone

  • rapporto aria/illuminazione per ambiente

  • conformità degli impianti termico idrico ed elettrico

  • rispetto della normativa acustica.

Caratteristiche di un seminterrato

Oltre all’abitabilità, quando si decide di acquistare un seminterrato, di deve tenere in considerazione che quasi sicuramente la luce non sarà quella di un appartamento ai piani alti, ma molto ridotta, quindi. Inoltre, non è da sottovalutare che sono ambienti molto umidi, proprio per la scarsa presenza di luminosità, salvo non trovarsi in un appartamento con ottimo isolamento termico.

Fatte queste premesse, il fatto di accedere a questa tipologia di immobile ad un prezzo molto conveniente ed in quartieri centrali, dove a volte si ha anche un accesso indipendente con un piccolo giardino, in quanto di solito si ha accesso diretto alle aree esterne della casa e non si dovrà passare attraverso gli spazi comuni.

Questo vantaggio può essere particolarmente apprezzato da chi vive con animali domestici, perché in questo modo si potrà raggiungere l’esterno in pochi minuti anche durante la notte senza passare per pianerottoli o incontrare vicini poco cordiali e per niente animal-friendly.

Il seminterrato può dimostrarsi una buona soluzione abitativa e/o un buon investimento per chi è alla ricerca di una rendita.

5 views0 comments

Recent Posts

See All